Cerca
  • Max De Toma

Intervista al Messaggero. «Il leader? Non è più Di Maio. “Eco” inciderà sul governo.»

Onorevole Massimiliano De Toma perché ha lasciato il M5S? «Lascio perché non mi riconosco nella leadership di Di Maio & Co».

Chi sarebbero i Company? «Davide Casaleggio e i cosiddetti vertici. Con Luigi in due anni avrò parlato due volte e con me non ha mai condiviso nulla. Nemmeno la minima decisione. Al contrario, con il gruppo della Camera ha lavorato bene, ma senza produrre risultati».

Lei entrerà nel gruppo Eco dell'ex ministro Fioramonti. Perché? «Vanto un'amicizia con Lorenzo e negli ultimi mesi abbiamo parlato di temi: dall'economia al commercio passando per lo sviluppo sostenibile. Vogliamo continuare questo percorso».

Sostenendo il governo Conte? «Certo che sì. Da un certo punto di vista passare alla Lega sarebbe stato più facile, ma abbiamo un progetto con Lorenzo e vogliamo portarlo avanti».

Ma lei rimane moroso: sarà attaccato per questo dai suoi ex colleghi ne è consapevole? «Finalmente potrò donare parte del mio stipendio a un conto dello Stato. E così farà tutto il gruppo di Eco, come abbiamo deciso con Fioramonti».

Un nuovo gruppo non rischia alla fine di destabilizzare l'esecutivo? «No, noi vogliamo sostenere questa maggioranza cercando di incidere sui temi che il Movimento ha abbandonato».


Leggi l'intera intervista

https://www.google.it/amp/s/www.ilmessaggero.it/AMP/politica/m5s_news_di_maio_ultimissime-4972628.html




6 visualizzazioni

© 2019 by                             . Proudly created with Wix.com

firma-cm.png
  • Twitter - Black Circle
  • Facebook - Black Circle

Seguimi sui social netwroks